Scrivere è facile, è farsi leggere che è difficile

La scrittura è un po’ come la ricetta della Coca-Cola, nessuno sa cosa ci sia effettivamente dentro (e dietro). Un articolo può nascere da solo, venire “fuori già con le parole” (Una canzone per te, Vasco Rossi), oppure richiedere ore e ore di concentrazione. Ma alla fine della fiera la cosa importante è che qualcuno……

Alla ricerca dell’acca perduta

Molti si sono già arresi da tempo nell’impari sfida sull’uso corretto del congiuntivo, e un altro numeroso stuolo di amanti dell’italico idioma è in procinto di deporre le armi del grammaticalmente corretto in fatto di inversioni fra il verso e la preposizione. Del resto, dov’è il problema? È fin dalle scuole elementari che ci ripetono……

Si può scrivere il futuro?

Dopo le micidiali “Allora, quando ti laurei?” e “Ormai stai invecchiando, quando ti sposi?”, ci sono altre due domande ricorrenti nelle canoniche rimpatriate con tutto il parentado: “Hai deciso cosa farai da grande?” e, in maniera ancora più subdola, “Come ti immagini fra 10 anni?”. Quest’ultimo quesito, fatto proprio da tutti i selezionatori del personale……

La parola che non abbiamo mai avuto

Descriviamo il mondo con le parole. Senza esagerare, potremmo addirittura affermare che la Terra esiste proprio grazie alla rappresentazione che viene fatta dalle parole. Ma le parole hanno le gambe e non stanno mai ferme un minuto. Quelle che fino a ieri ci sembravano tutto sommato innocue e, per questa ragione, ci giocavamo come fanno……