Formazione, il bilancio di fine giornata

Il miglioramento delle nostre prestazioni professionali non può prescindere dall’insoddisfazione. Attenzione, non sto dicendo di stare perennemente in “modalità lamento”, mi riferisco semplicemente alla valutazione di tutto ciò che possiamo fare meglio. Anche quando siamo convinti di aver dato e fatto il massimo (e chi l’ha detto?). Ogni speech è portatore (più o meno sano) …

Perché la formazione deve essere un gioco

Fare formazione senza giocare è come andare al luna park e stare seduti tutto il tempo su una panchina. Il punto di partenza è proprio questo: il gioco è una cosa seria, soprattutto nei corsi aziendali dove, per l’inevitabile estrema concentrazione degli argomenti, è necessario far coesistere apprendimento e divertimento. Ancora oggi, i sostenitori della …

Contro la definizione di risorse umane

Gioco del Tris con filetto di cuori rossi.

Ho sempre nutrito una grande avversione per la definizione, tutta manageriale, di “risorse umane”. Se da un lato c’è la considerazione del personale (talvolta, inteso anche come capitale umano) nella sua accezione di valore (alla stregua di una spesa d’investimento), dall’altro mi pare evidente la svalutazione della dimensione umana dei collaboratori. Come dire, nei vari …