Due o tre cose che credo di aver capito

Poi un giorno, senza un motivo particolare, vedo la strada che ho percorso e chiedo a me stesso cosa mi abbia portato fin qui. Non tanto un bilancio fra cose azzeccate e cose disastrose, ma più che altro la definizione di una sequenza di “ripartenze”, dove nulla si sottrae e tutto si somma. Una linea……

Chiedimi se sono felice

Rimango sempre piuttosto interdetto quando sento dire dai partecipanti ai miei corsi di formazione che non sono felici. Si tratta in larga parte di ventenni che stanno cominciando a prendere dimestichezza con le “cose della vita”: un progetto di famiglia, un lavoro, un’idea di crescita. Al netto dell’atavico malessere tipico della giovane età (anche a……

Gli obiettivi? Una questione di sistema

Tutti ci poniamo degli obiettivi. Nella vita, nel lavoro, nelle passioni è normale darsi dei traguardi o, meglio, aspirare a ottenere i successi che desideriamo. Poi, nella grande maggioranza dei casi, c’è sempre qualcosa che fa deviare la felicità di essere riusciti completamente nell’intento su uno stato a metà strada fra il “meglio che niente”……

L’improvvisazione non esiste

“Tanto ci metti due minuti!”, è la sentenza che si sentono rivolgere continuamente copywriter, grafici, informatici e tutta una larga schiera di specialisti particolarmente riconosciuti per le loro attitudini professionali. La frase, che a definire sibillina sarebbe ancora poco, sottende di fatto a due dichiarazioni micidiali: ci impieghi poco tempo, quindi il tuo lavoro costa……

Pensare positivo o pensare razionale?

“Pensa positivo” è il classico rilancio che segue la preoccupazione. Facile a dirsi, ma è molto più complicato metterlo in pratica. Del resto, gran parte di noi è programmata per pre-occuparsi di tutto ciò che deve ancora verificarsi e lo fa immaginando che capitino le cose peggiori. Nasce così l’ansia paralizzante che ci fa vivere……