Difetti di sistema

Pubblicato
Un cono gelato caduto a terra.

Durante questi due anni e passa di pandemia e, recentemente, con il carico da undici calato da una guerra dagli esiti più che mai incerti, abbiamo toccato con mano tutte le contraddizioni di un sistema che, almeno nelle sue dinamiche essenziali, davamo per scontate.

All’improvviso, anche i più distratti, si sono accorti del grande valore incastonato in un abbraccio divenuto impossibile e della precarietà di un pensiero che, dopo gli orrori del Novecento, ci faceva ritenere la pace assolutamente inviolabile.

Adesso, eccoci qui a cercare di riparare il sistema. E qual è la prima cosa che ci è venuta in mente? Aumentare la produttività. Anche le parole utilizzate per enfatizzare il più importante strumento che abbiamo a disposizione (il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) sembrano anticipare nuovi e migliori stili di vita.

L’idea che sia ineluttabile aggiungere “peso” al sistema, anziché sottrarlo, mi fa pensare ai quei viaggi organizzati dove in mezza giornata ti fanno visitare il castello, il museo, l’artigianato tipico, per concludere con la cena tradizionale e lo spettacolo degli artisti locali. Tombola!

Alla fine vediamo molte cose, ma non ne ricordiamo nessuna di particolarmente interessante. È il paradosso della produttività a tutto campo che dimentica il tempo di vivere. Cioè, si perde di vista il cosiddetto “tempo vuoto” in cui non facciamo apparentemente nulla, ma prendiamo consapevolezza della nostra (piccolissima) dimensione di esseri umani che respirano l’aria dello stesso (piccolissimo) pianeta.

Una prova di forza contro noi stessi

L’etica, che dovrebbe rappresentare il principale contrappeso del Prodotto Interno Lordo, è relegata a un dibattito del tutto marginale, riservato a sognatori “sconnessi dalla realtà”. Ma chi se ne frega!

La cosa importante è “far girare l’economia” a prescindere dal fatto che a girare, molto spesso, è anche altro. L’ipotesi di fare un passo indietro non fa parte del piano.

In questo contesto, incuranti che stiamo tagliando il ramo sul quale siamo seduti, cerchiamo di sanare il sistema utilizzando la stessa cura che lo ha fatto ammalare. La natura, solo per citare la vera protagonista della “vita, dell’universo e di tutto quanto”, non impegnerebbe mai tutte le sue risorse per accordare il pianoforte del salone delle feste del Titanic.

Non ci sono soluzioni al di fuori di una strategia culturale

Possiamo insegnare a qualcuno come realizzare un’animazione figherrima in PowerPoint, ma non andrà molto lontano se non gli diamo anche gli strumenti per comprendere perché si fa una presentazione con le slide.

Ecco, quello che osservo oggi è che siamo sommersi da tecniche sconnesse da una strategia di respiro multi-generazionale. Facciamo cose senza domandarci quale sia la direzione verso cui siamo diretti. Per dire, nel 2022 ha ancora senso produrre armi per distruggere i nostri simili?

L’impressione è che ogni volta si ricominci dalla tabellina del due, ignorando che da secoli conosciamo anche i risultati di quella del nove.

Detto in maniera più aderente allo stato dei fatti, pur conoscendo i risultati di alcune tattiche (inquinamento, conflitti, fame) perseveriamo nel riproporle tali e quali.

La fine delle cose è il loro fine

Le novità ci eccitano, ma quando si ripetono per un milione di volte uguali a se stesse, perdiamo l’interesse e scattiamo subito alla ricerca di qualcos’altro di più entusiasmante, eccitante, audace.

Siamo prigionieri della ricerca infinita del “più”. Questa è la logica che ci porta a pensare di crescere (in maniera sostenibile, come no!) oltre ogni limite in un ambiente (la Terra) che ha oggettivamente dei limiti.

Tutto, prima o poi, finisce. Finiscono le cose, finisce la vita. Ma avendo smarrito il significato della parola “abbastanza”, ci comportiamo come se fossimo immortali. Del resto, i cimiteri sono pieni di persone che si credevano indispensabili.

Abbiamo bisogno di trovare, ognuno alla sua maniera, un punto di arrivo dove la misura non è ancora colma, ma la saggezza ci consiglia di goderci ciò che abbiamo ottenuto.

La felicità è come una farfalla: se l’insegui non riesci mai a prenderla, ma se ti metti tranquillo può anche posarsi su di te.” (Nathaniel Hawthorne)

Foto di Sarah Kilian

Sommario
Difetti di sistema
Titolo
Difetti di sistema
Descrizione
Continuiamo a fare sempre le stesse cose, come se gli errori commessi nel passato non ci avessero insegnato nulla. Ma, fino a quando?
Autore
Pubblicato da
Sergio Gridelli Blog
Logo
Pubblicato
Categorie: Coaching

Di Sergio Gridelli

Sono nato e vivo a Savignano sul Rubicone (FC), una piccola città della Romagna attraversata dal fiume che segnò i destini di Roma. PERCHÉ LO FACCIO Ho sempre pensato che l’impronta di ciascuno di noi dipenda da un miscuglio di personalità e di tecnica. Se questi due ingredienti sono in equilibrio nasce uno stile di comunicazione unico, subito riconoscibile fra tutti gli altri. Perché in un mondo tutto marrone, una Mucca Viola si vede eccome! COME LO FACCIO Aiuto le persone a trovare le motivazioni che le rendono uniche. Non vendo il pane, vendo il lievito. COSA FACCIO Mi occupo di comunicazione aziendale e della elaborazione di contenuti per il web. Curo i profili social di aziende e professionisti. Tengo corsi sulla comunicazione interpersonale, il public speaking, il marketing digitale e su come realizzare presentazioni multimediali efficaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.