La posizione, il senso e il peso delle parole

Pubblicato
Lettere sui dadi per costruire parole

Ce lo insegnano fin dalle elementari: la medesima frase si può scrivere in almeno due modi e con significati del tutto diversi. Dire “Stefania è una brava ragazza, ma è un po’ pigra”, non è la stessa cosa che affermare “Stefania è un po’ pigra, ma è una brava ragazza”. Anche se i contenuti sono identici, una differente articolazione nella posizione delle parole ne cambia il significato o, perlomeno, lascia percepire un messaggio che ha tutt’altro scopo.

Una cosa che invece ci insegna la pubblicità è quella di evitare costruzioni lessicali al negativo. Ci sono due ragioni pratiche alla base di questa regola:

  • il messaggio negativo può venire associato al prodotto o al servizio;
  • le persone vogliono sapere perché devono fare o comprare una determinata cosa.

La frase positiva

Per promuovere un corso di inglese online, possiamo fare ricorso ad un paio di slogan:

  • “Impara l’inglese online. Decidi tu quando vuoi fare lezione”;
  • “Impara l’inglese online. Risparmia sui libri di testo”.

Già da una prima occhiata, ci si accorge subito che il claim iniziale è quello più funzionale. Il concetto della flessibilità emerge immediatamente e porta a immaginare scenari che si adattano a svariate contingenze individuali (lavoro a tempo pieno, impegni familiari, organizzazione della giornata).

La composizione di una frase è spesso indistinguibile dalla magia. Condividi il Tweet

Il risparmio è sempre una leva interessante e molto spesso funzionale per ottenere un risultato. Nel caso della seconda ipotesi, il messaggio fa prefigurare un risparmio di denaro derivato, si suppone, dalla disponibilità online dei materiali di studio necessari per seguire il corso. Mentre il concetto di flessibilità è chiaro (“Decidi tu quando vuoi fare lezione”), l’annuncio basato sul risparmio ha contorni meno definiti e lascia spazio ad alcuni interrogativi: “Quanto risparmio effettivamente?”, “Quali sono i vantaggi di non avere libri di testo?”, “La qualità dell’insegnamento è la medesima dei corsi offline?”.

La frase negativa

Ad ogni modo, pur privilegiando la forma positiva, ci sono alcuni casi in cui una costruzione lessicale negativa sortisce effetti migliori rispetto alla corrispettiva positiva.

“Nutrire il pianeta” è stato lo slogan di Expo Milano 2015. Un messaggio positivo, senza dubbio, ma poco motivante per far compiere qualsiasi azione se, fra le altre cose, lo scopo era anche quello di interrogarsi (e intervenire fattivamente) per risolvere l’atavico problema della fame nel mondo.

Il messaggio è positivo, ma in concreto ci dà solo l’alibi per dire “se tutti facessero qualcosa si poterebbe sconfiggere la fame nel mondo”. Viviamo tutti sullo stesso pianeta, ma il nostro mondo non è una dimensione maneggiabile, gestibile e comprensibile a livello individuale. Sulle questioni di emergenza planetaria (si pensi, ad esempio, all’inquinamento atmosferico o alla sovrapproduzione di rifiuti) pochi hanno coscienza del fatto che un piccolo comportamento virtuoso di tutti si traduce in grandi benefici globali.

Nelle parole si nasconde sempre un'azione. Condividi il Tweet

È sempre una questione di distanze o, se si preferisce, di vicinanze. Emotivamente, ci fa più effetto la notizia di una fuga di gas nella nostra città, invece del bombardamento di un ospedale pediatrico dall’altra parte del mondo.

Questa è la ragione per cui, riprendendo l’esempio della fame nel mondo, una frase con connotazioni negative può risultare più efficace. Senza voler insegnare nulla ai guru dell’advertising, metterla sul piano che “100 persone del tuo quartiere ieri non hanno mangiato” avvicina l’attenzione e molto probabilmente innesca anche una maggiore predisposizione ad aderire alla donazione di prodotti alimentari promossa allo scopo dal supermercato sotto casa.

Sommario
La posizione, il senso e il peso delle parole
Titolo
La posizione, il senso e il peso delle parole
Descrizione
Costruiamo il mondo attraverso le parole. Spesso dalla frasi dipendono le nostre emozioni, i nostri stati d'animo e perfino le nostre azioni.
Autore
Pubblicato da
Sergio Gridelli Blog
Logo
Pubblicato
Categorie: Scrittura

Di Sergio Gridelli

Sono nato e vivo a Savignano sul Rubicone (FC), una piccola città della Romagna attraversata dal fiume che segnò i destini di Roma. PERCHÉ LO FACCIO Ho sempre pensato che l’impronta di ciascuno di noi dipenda da un miscuglio di personalità e di tecnica. Se questi due ingredienti sono in equilibrio nasce uno stile di comunicazione unico, subito riconoscibile fra tutti gli altri. Perché in un mondo tutto marrone, una Mucca Viola si vede eccome! COME LO FACCIO Aiuto le persone a trovare le motivazioni che le rendono uniche. Non vendo il pane, vendo il lievito. COSA FACCIO Mi occupo di comunicazione aziendale e della elaborazione di contenuti per il web. Curo i profili social di aziende e professionisti. Tengo corsi sulla comunicazione interpersonale, il public speaking, il marketing digitale e su come realizzare presentazioni multimediali efficaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.