Che fine faranno le parole?

Nel diluvio di parole che inondano la rete, c’è ancora spazio per una considerazione sullo stato di salute della lingua scritta? Non so se sia più di un’impressione, ma mi pare che le rete sia ormai ad un passo dal word overload.

Generazione “Mi piace”

Una volta gli sfigati erano quelli che studiavano molto (i “famosi” secchioni) e non uscivano mai di casa, oggi la nuova “moda” dei cosiddetti nativi digitali ti taglia fuori se non collezioni un cospicuo numero di “Mi piace” sul tuo selfie.

Non qui, altrove

C’è una gran voglia di altrove. Complici la crisi infinita, il futuro che sembra non esistere più, l’evaporazione dei punti di riferimento storici (la famiglia, il lavoro, le ideologie) ed ecco che la realtà quotidiana diviene un luogo dal quale scappare. La fuga fisica verso qualche altra parte del pianeta o la ricerca di universi …