15 minuti di celebrità, dove sono i nostri?

15 minuti di celebrità Andy Warhol li aveva garantiti pressoché a tutti. Problema: il medium si è dilatato all’inverosimile e con esso anche la concorrenza ha subito un trend di crescita esponenziale. A parte quelli che in questo tagadà dell’esposizione 24/7 bramerebbero 15 minuti di anonimato assoluto, l’eterna lotta è sempre quella di farsi notare. Le piattaforme sociali sono nate per questo scopo, ma solo la mucca viola spicca in un mondo tutto marrone.

La grandezza dà celebrità, ma la celebrità non è garante di grandezza. (Alessandro Morandotti) Condividi il Tweet

Social media differenti, post differenti

Creare un contenuto di qualità è sempre una bella fatica e non sempre ci si riesce. Tuttavia, una volta trovata la quadra, viene praticamente spontaneo (e comodo) spiattellarlo identico dappertutto. Sbagliato!
La funzione principale di un post è quella di arrivare a far compiere un’azione a delle persone (dal “Mi Piace” al click sul link). Siccome al bar sport non troviamo (generalmente) le stesse persone della buvette del teatro, dobbiamo creare messaggi specifici per ogni tipologia di pubblico tipica delle varie piattaforme sociali. Solo per rimanere sulla superficie del problema, appare sufficientemente ovvio sostenere che un post “leggero” pensato per Facebook non possa andare bene tal quale su Linkedin, che Pinterest va nutrito con immagini di qualità, che Twitter “lavora” sulla sintesi e sugli hashtag.

15 minuti, carpe diem!

Esistono centinaia, forse migliaia, di variopinte infografiche che, a mo’ di orario dei treni, suggeriscono le tempistiche (tutte infallibili!) di pubblicazione sui vari social media. Gli orari di maggior affollamento su ogni social media possono sicuramente rappresentare un buon punto di riferimento, ma in ogni caso occorre essere consapevoli che:

  • si basano su pubblici generici;
  • più gente c’è, meno possibilità abbiamo di farci notare (specie su Twitter dove il contenuto vive nell’istante in cui viene pubblicato);
  • la fruizione dei contenuti da desktop è più “riflessiva”, quella mobile è più improntata sulla velocità e sulla mancanza di tempo per approfondire;
  • molte “bibbie del timing perfetto” non tengono conto della fruibilità mobile per cui ogni utente è praticamente always connected.

Per farla breve, analizziamo tutti i parametri che possiamo ricavare dalle analitiche incorporate nei vari social media (i più pigri possono sempre affidarsi alla “programmazione automatica” dell’algoritmo di Hootsuite), ma non fermiamoci qui. Infatti, anche se tutti gli indicatori confermassero che il nostro momento migliore di pubblicazione fosse quello tipico della colazione (ore 7,30-8,00), avrebbe senso a quell’ora fare un post con la foto di un gigantesco hamburger gocciolante di ketchup?

La notorietà senza merito ottiene una considerazione senza stima. (Nicolas de Chamfort) Condividi il Tweet

Coerentemente pianificati

Lasciando sullo sfondo la questione degli orari e i famosi 15 minuti, uno dei fattori di maggior successo sui social media è senz’altro la coerenza. Detto in maniera un po’ più pragmatica, la relazione sociale (offline come pure quella online) è fatta di appuntamenti, abitudini, aspettative.
La coerenza è contemporaneamente puntualità e sostanza. Se abbiamo maturato una certa credibilità sulla trattazione di determinati argomenti, il nostro pubblico di riferimento si aspetterà un nostro intervento ogni qualvolta ci sarà una novità in quell’ambito specifico. Allo stesso modo, se siamo diventati così bravi da influenzare la discussione social in occasione di particolari eventi televisivi (da MasterChef a Ballarò), il target vorrà trovarci presenti in quei momenti. Fatta semplice, è il nostro piano editoriale.

Non si scappa dalla Call To Action

L’invito all’azione è sostanzialmente un post che determina una risposta immediata da parte del target. Ovviamente, pena il “fare pena”, non dobbiamo concludere ogni post con i classici “Chiama adesso!”, “Per saperne di più…” e “Visita il mio nuovo sito”.
Anche la Call To Action deve essere il risultato di un’elaborazione creativa, emotiva, persuasiva. Volete mettere la forza di “Lo voglio!” rispetto all’antiquato “Acquista”, di “Comincia ora!” in luogo del vetusto “Clicca qui”, di “Subito un regalo per te!” invece dello stantio “Gratis”?

La fama è ciò che resta della popolarità, spenti gli applausi. (Roberto Gervaso) Condividi il Tweet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.