In morte degli elenchi puntati

Sono sopravvissuto per l’ennesima volta a una presentazione fatta con PowerPoint e zeppa di elenchi puntati. In una slide ne ho contati 18! Una noia mortale che ha sovrastato anche il più interessante dei contenuti.

La questione di fondo è sempre la stessa: nella maggior parte dei casi le slide non vengono fatte per il pubblico, ma sono il blocco degli appunti del presentatore. Nei casi limite, quest’ultimo legge addirittura parola per parola, pensando probabilmente che tutti coloro che sono seduti di fronte a lui non siano sufficientemente alfabetizzati.

Tutte le volte mi sorprende come i vari presentatori non si rendano minimamente conto che il pubblico legge mentalmente molto più velocemente di loro, facendo perdere qualsiasi interesse per le parole che loro stessi pronunciano.

Senza scomodare la PNL, la scienza ha da tempo dimostrato che il cervello pensa attraverso le immagini e per questo è più incline a processare gli stimoli visivi, a discapito di tutte le altre sollecitazioni. Insomma, un’immagine giusta nel contesto appropriato attiva l’attenzione e consente una migliore capacità di apprendimento.

A questo proposito, qualcuno potrebbe sostenere che gli elenchi puntati, grazie alla loro struttura “visiva”, siano del tutto funzionali alla memorizzazione delle informazioni. Il problema è che gli elenchi puntati non vengono elaborati secondo la modalità visiva. È vero che entrano nel cervello attraverso gli occhi (canale visivo), ma di fatto vengono elaborati dal canale verbale. È proprio a questo livello che avviene il sovraccarico cerebrale, perché contemporaneamente si cerca di elaborare anche le parole pronunciate dal presentatore.

Si può fare a meno degli elenchi puntati?

Ho sentito affermare un milione di volte che non si può fare a meno degli elenchi puntati. In questi casi rispondo che è sempre (e solo) una questione di tempo. Il tempo necessario per suddividere l’elenco puntato in altrettante slide.

Ecco come si presenta un classico elenco puntato.

700x500_TMelenco
Ecco, invece, come è possibile suddividere lo stesso elenco puntato in tre slide molto più emozionali ed esteticamente migliori.

700x500_TMPnoia

700x500_TMPrepeat

700x500_TMnoCom
Volendo, alla fine, si può fare una slide riepilogativa per consentire al pubblico di memorizzare ancora meglio i concetti appena esposti.

700x500_TMfinal

Una volta assimilate queste semplici metodologie anche le vostre slide diventeranno più accattivanti e rimarrete stupiti voi stessi da come il vostro PowerPoint non sembri nemmeno più un PowerPoint.

Sommario
In morte degli elenchi puntati
Titolo
In morte degli elenchi puntati
Descrizione
Gli elenchi puntati nelle presentazioni di PowerPoint continuano a mietere vittime innocenti. Le slide sono ormai diventate noiose armi di distruzione.
Autore
Pubblicato da
Sergio Gridelli Blog
Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *